L’assenza di un contratto di locazione non esenta il proprietario dell’immobile dalla responsabilità per l’incidente mortale occorso agli aspiranti inquilini


Con la sentenza n. 1508 del 15 gennaio 2014, la Corte di Cassazione ha stabilito che non è necessaria la prova di un contratto scritto di locazione per attribuire, ai proprietari di una casa, la responsabilità per la morte degli affittuari, causata dall’esalazione di monossido di carbonio dovuta al cattivo funzionamento della caldaia.

Il fatto che il decesso degli affittuari fosse avvenuto in assenza di un contratto di affitto non esenta i proprietari dell’immobile dalla responsabilità per l’incidente mortale. Nel caso di specie, alle due vittime erano state date le chiavi di casa solamente per permettere una visita preliminare all’immobile. I due aspiranti inquilini, prima di trasferirsi nell’alloggio, avevano cominciato dei lavori di imbiancatura e allacciato a loro nome le utenze.

Secondo la Cassazione, queste circostanze indicano che tra le parti fosse stato effettivamente già stipulato, per fatti concludenti, un contratto di comodato gratuito, finalizzato alla anticipazione degli effetti del futuro contratto scritto di locazione, con il trasferimento della detenzione dell’immobile. Da ciò, “originava in capo ai proprietari una posizione di garanzia della sicurezza del bene che andavano a consegnare”. La suprema Corte ha quindi annullato, ai soli effetti civili, la sentenza del giudice di merito, rinviata per le verifiche.

fonte:www.bluerosso.it

 

home.ariadifvg.itSiamo presenti con lo Stand in via Cesare Battisti alla manifestazione Aria di Festa a San Daniele del Friuli da 24 al 27 Giugno woman 2016.

Vi aspettiamo!

 

 

Abbiamo pubblicato il nostro nuovo sito internet per la NOT ASSISTENZA!

CONTROLLO E MANUTENZIONE AI FINI DELLA SICUREZZA

Chi stabilisce quali sono gli interventi di controllo e manutenzione da effettuare sugli impianti termici e la relativa frequenza?

Il responsabile dell’impianto termico o per esso un terzo che ne assume la responsabilità, ai sensi dell’art. 7 del D.lgs 92/05 e s.m.i. e dell’art. 7 del D.P.R. 74/2013, provvede affinché siano eseguite le operazioni di controllo e di manutenzione secondo le prescrizioni della normativa vigente. L’Allegato A al D.lgs. 92/05 definisce il responsabile dell’impianto termico come “l’occupante, a qualsiasi titolo, in caso di singole unità immobiliari residenziali; il proprietario, in caso di singole unità immobiliari residenziali non locate; l’amministratore, in caso di edifici dotati di impianti termici centralizzati amministrati in condominio; il proprietario o l’amministratore delegato in caso di edifici di proprietà di soggetti diversi dalle persone fisiche”.

La predisposizione di istruzioni relative al controllo periodico degli impianti ai fini della sicurezza, con l’indicazione sia dei singoli controlli da effettuare che della loro frequenza, è compito dell’installatore, per i nuovi impianti, e del manutentore, per gli impianti esistenti, i quali devono tenere conto delle istruzioni fornite dai fabbricanti dei singoli apparecchi e componenti, ove disponibili. La vigente legislazione non contiene prescrizioni o indicazioni su modalità e frequenza dei controlli e degli eventuali interventi manutentivi sugli impianti di climatizzazione estiva e/o invernale né sui singoli apparecchi e componenti che li costituiscono.

I modelli di rapporto di controllo di efficienza energetica, pur prevedendo alcuni controlli di sicurezza sull’impianto e sui relativi sottosistemi di generazione di calore o di freddo, non sono rapporti di controllo o manutenzione ai fini della sicurezza e pertanto non sono esaustivi in tal senso.

Gli interventi di controllo e manutenzione devono essere eseguiti a regola d’arte, da operatori abilitati a dette operazioni, nel rispetto della normativa vigente. L’operatore, al termine delle medesime operazioni, con la cadenza prevista dall’allegato del D.P.R. 74/2013, ha inoltre l’obbligo di effettuare un controllo di efficienza energetica i cui esiti vanno riportati sulle schede 11 e 12 del libretto di impianto e sul pertinente rapporto di controllo di efficienza energetica allegato al D.M. 10 febbraio 2014 da rilasciare al responsabile dell’impianto che ne sottoscrive copia per ricevuta e presa visione.

Sui modelli di rapporto di controllo di efficienza energetica devono essere annotate, nel campo osservazioni, le manutenzioni effettuate, e nei campi raccomandazioni e prescrizioni quelle da effettuare per consentire l’utilizzo sicuro dell’impianto. Sullo stesso modello il manutentore riporterà la data prevista per il successivo intervento.

  1. In occasione degli interventi di controllo e manutenzione di cui all’art. 7 del DPR n.74/2013, quale documentazione deve essere rilasciata dal manutentore al responsabile dell’impianto?

L’art. 7 del D.lgs 192/2005 e s.m.i. impone all’operatore, dopo aver eseguito a regola d’arte le operazioni di controllo e eventuale manutenzione, di redigere e sottoscrivere un rapporto di controllo tecnico conforme agli allegati F e G allo stesso decreto legislativo. Tali allegati sono stati sostituiti dal DM 10/02/2014 con i rapporti di efficienza energetica, tipo 1, 2, 3 e 4, pubblicati in allegato allo stesso DM. Pertanto i suddetti rapporti di efficienza energetica devono essere utilizzati come rapporto di controllo tecnico al termine delle operazioni di controllo ed eventuale manutenzione di cui all’art. 7 del DPR n. 74/2013. Sugli stessi rapporti di efficienza energetica il manutentore dichiara in forma scritta ai sensi del comma 4 lettera a) dell’art.7 del DPR n.74/2013 le operazioni di controllo e manutenzione di cui necessita l’impianto per garantire la sicurezza delle persone e delle cose nelle sezioni “raccomandazioni” e “prescrizioni”, e la relativa frequenza, ai sensi del comma 4 lettera b) dello stesso articolo, alla voce: ”si raccomanda un intervento manutentivo entro il ……..”.

Per quanto riguarda l’esecuzione del controllo di efficienza energetica del sottosistema di generazione (che nel caso del rapporto di controllo di efficienza energetica tipo 1 si identifica con la misurazione in opera del rendimento di combustione), che negli allegati F e G non era previsto obbligatoriamente ad ogni compilazione del rapporto di controllo tecnico, si ritiene che, ferma restando obbligatoria tale esecuzione:

in occasione degli interventi di cui all’art. 8 comma 3 del DPR n. 74/2013; con la periodicità di cui alla tabella dell’allegato A del DPR n. 74/2013, con contestuale invio all’indirizzo indicato dalla Regione o Provincia autonoma competente per territorio;

nei restanti casi la scelta sia demandata alla professionalità del manutentore, previa valutazione dello stato del generatore.

 

Buono valido per lo Sconto del 20% sulla manutenzione della tua caldaia.

volantino-promo

 


Offerta valida 6 mesi per i nuovi clienti con distanza massima dalla nostra sede di massimo 40 Km

CONTATTACI E AVRAI DIRITTO A QUESTA SUPER OFFERTA!

Se sei già nostro cliente perché non passi in sede a vedere cosa abbiamo in serbo per te?